Valli Mongia e Cevetta, Langa Cebana

Home / Territorio / Le Valli / Valli Mongia e Cevetta, Langa Cebana
Ceva - Mostra Regionale del Fungo
Mombasiglio - il borgo e il Castello, sede del Museo Napoleonico
Sale San Giovanni - campo di lavanda

Mongia e Cevetta sono due piccole valli a fianco della principale Val Tanaro, che con i loro dolci declivi segnano l’inizio dell’area collinare di Langa.

Dal punto di vista naturalistico la Valle Mongia è caratterizzata da grandi estensioni di castagneti che ricoprono oltre il 60% del suolo. Non lontano da Mombasiglio si trova un curioso fenomeno di erosione che ha dato luogo ad un vero e proprio ponte naturale sul torrente Mongia. Sempre nella medesima valle citiamo la piccola stazione turistica estiva ed invernale di Viola con gli impianti sciistici di St. Grée.

L’alta Valle Cevetta si distingue invece per la presenza - nel comune di Montezemolo - di una parte dell’area della Riserva naturale Speciale delle Sorgenti del Belbo, raro esempio di area palustre di media montagna.
Nel territorio della Langa Cebana, in località Schioda, presso Sale S.Giovanni, c’è l’Arboreto Prandi, circa 12 ettari di ambiente naturale ricco di piante arboree ed erbacee di notevole interesse botanico ed ambientale.
Il principale corso d'acqua è il Tanaro che attraversa il territorio del Comune di Ceva, luogo in cui incontra le prime dorsali collinari delle Langhe.

Tra i luoghi più interessanti dal punto di vista monumentale citiamo il castello di Lesegno (dei Marchesi del Carretto), il castello di Mombasiglio (sede del Museo Generale Bonaparte), il castello dei Marchesi Incisa di Camerana a Sale S. Giovanni, l’imponente castello dei Marchesi del Carretto a Saliceto e la torre medievale di Priero, alta 36 metri.

Ceva è il fulcro vitale delle due valli, borgo racchiuso nel piccolo cuneo ricavato dal Tanaro e dal torrente Cevetta, celebre per la bontà dei funghi che si trovano nei dintorni. Già citata da Plinio per le virtù dei suoi formaggi, era dotata di un imponente forte sabaudo, successivamente abbattuto durante il dominio napoleonico, da cui oggi si gode dell’eccezionale panorama sulle Alpi, le Langhe e la pianura. Nel centro storico caratterizzato dalle vie porticate, spicca la trecentesca torre guelfa del Brolio. Ceva possiede anche un grazioso piccolo Teatro inaugurato nel 1861 ed intitolato ai drammaturghi Carlo e Leopoldo Marenco.


Come si arriva
Percorrendo l'autostrada A6 Torino-Savona si esce al casello di Ceva e si seguono le indicazioni per le valli. Ceva è anche servita dalla rete ferroviaria che collega Torino a Savona.

Fiere e manifestazioni
• Ceva - Mostra del Fungo – Mostra Mercato Regionale - settembre
• Ceva – Antica Fiera di Santa Lucia - dicembre
• Montezemolo – Fiera Regionale del Miele – luglio
• Sale San Giovanni – Non solo Erbe - giugno

Ufficio Turistico
Via Case Rosse - Loc. San Bernardino - 12073 CEVA
Tel. +39 0174 705600 - fax +39 0174 705645
turismo@vallinrete.org
www.vallinrete.org