Il fascino di SALUZZO

Home / Arte e cultura / Percorsi Turistici / Il fascino di SALUZZO
Saluzzo
Pala della Madonna della Misericordia
Chiesa di San Giovanni - interno
Giardino botanico di Villa Bricherasio

Saluzzo, capitale di un antico e potente marchesato, é riuscita a conservare il suo magnifico centro storico medievale, dominato dal profilo del Monviso, la montagna da cui nasce il Po.
La visita può avere inizio dalla parte alta della città dominata dalla Castiglia e dal suo imponente torrione, residenza principale dei Marchesi di Saluzzo, divenuta poi carcere sotto il dominio di Carlo Alberto. Dopo un lungo e attento restauro la Castiglia è stata riaperta al pubblico.

Dalla piazza della Castiglia ha inizio Salita al Castello, su cui si affacciano una serie di palazzi nobiliari tra i quali la Casa delle Arti Liberali, decorata a grisailles, il Palazzo di Città con i notevoli fregi in cotto ed i dipinti del 1601, la Torre Civica e il Palazzo Della Chiesa, particolare inserto barocco nel tessuto medievale. È possibile salire sulla torre per godere dello splendido panorama sul Monviso e la pianura.

Una stradina si apre sulla piazzetta che ospita la chiesa di S. Giovanni, autentico capolavoro d’arte, con il suo caratteristico campanile romanico-gotico. All’interno ritroviamo dipinti di Pietro da Saluzzo (metà ‘400), un polittico rinascimentale di Pascale Oddone (1535) inserito nella cappella barocca del Rosario, il silenzioso chiostro gotico (su cui si affacciano la Sala Capitolare, con mausoleo dedicato a Galeazzo Cavassa, vicario generale del marchesato, ed il refettorio dei monaci), l’abside divenuta cappella di sepoltura dei Marchesi, capolavoro della scultura gotico-borgognona di fine quattrocento eseguito in pietra grigio-verde proveniente dalle cave della valle Po. Qui é sepolto l’ultimo marchese Ludovico II, in un sepolcro in marmo opera di B. Briosco in stile rinascimentale.

Proseguendo in Via S. Giovanni si giunge a Casa Cavassa, esempio di abitazione signorile del ‘500. Dopo i notevoli restauri di fine ottocento voluti da Emanuele Tapparelli d’Azeglio, grazie ai quali divenne Museo Civico, si presenta in ottimo stato di conservazione con un’interessante esposizione di arredi, affreschi, oggetti d’arte, tra cui spicca le famosa “Madonna della Misericordia” di Hans Clemer, datata 1499.

Uscendo da Casa Cavassa si fiancheggia il settecentesco Palazzo dei Marchesi del Carretto, che ci avvicina alla chiesetta di S. Bernardo ed al Belvedere, da dove si può godere il panorama della pianura sottostante. Scendendo lungo le viuzze acciottolate e le ripide gradinate si giunge alla Cattedrale situata fuori dal concentrico delle antiche mura. Fu realizzata in breve tempo dal 1491 al 1511 in stile tardo gotico. All’interno colpisce l’altare maggiore, uno scenografico gruppo scultoreo barocco dell’Assunta in cielo, ed il grandioso organo sul lato destro, mentre la navata di sinistra ospita una cappella dove sono raccolte le reliquie del patrono S. Chiaffredo e dove é ospitato un pregevole polittico con figure di santi di Hans Clemer.

Risalendo attraverso l’antica Porta Santa Maria e la medievale Via dei Portici Scuri si raggiunge la caratteristica Piazzetta dei Mondagli su cui si affaccia la casa natale dello scrittore Silvio Pellico, affascinate esempio di abitazione borghese settecentesca.

Per gli amanti della natura, c’è la possibilità di visitare il Giardino Botanico di Villa Bricherasio situato in collina poco lontano dal centro storico. Si tratta di un vero e proprio giardino botanico, primo agriturismo culturale e didattico del nostro paese con un parco diviso in tre distinte zone fito-climatiche.

Saluzzo è uno dei più esclusivi centri dell’antiquariato, del mobile d’arte e del restauro. Anche l’artigianato del ferro e del legno vanta un’antica tradizione continuata dalle botteghe a conduzione familiare e valorizzata dalle Mostre dell’Antiquariato (maggio) e dell’Arredamento (settembre).

Consigli per gli acquisti: antiquariato del legno, mobili d’arte, salami, formaggi, vino delle Colline Saluzzesi, frutta: mele, pere , pesche, kiwi.

Informazioni visite
:
Ufficio turistico IAT
Piazza Risorgimento, 1
tel. +39.0175.46710,
e-mail: iat@comune.saluzzo.cn.it