Abbazie e santuari

Home / Arte e cultura / Le vie della Fede / Abbazie e santuari

BASTIA MONDOVÍ - Chiesa di San Fiorenzo
Questa cappella cimiteriale fu edificata tra il X e il XV secolo, mentre gli affreschi che ricoprono quasi interamente le pareti interne risalgono al XV secolo, epoca in cui la stagione pittorica del gotico internazionale trova una delle sue espressioni piemontesi più alte. In questa sacra rappresentazione trovano largo spazio le immagini di santi ed evangelisti, del Paradiso e dell'Infermo, delle vite del Cristo e della Vergine, delle storie di sant'Antonio e san Fiorenzo.
INFO: tel. +39 338 4395 585, +39 0174 60125  - www.sanfiorenzo.org - infosanfiorenzo@libero.it - FB Associazione Culturale San Fiorenzo
APERTURA: da aprile ad ottobre domenica e festivi h. 15:00-19:00. Visite guidate su prenotazione.

BEINETTE - Pieve di Santa Maria
La chiesa, citata per la prima volta nel 1041 come appartenente alla diocesi di Asti, organizzava un territorio che si estendeva fino alle pendici della Bisalta. Nell'area circostante sono venuti alla luce materiale marmoreo e laterizi di epoca romana. Decisamente interessanti sono i cicli di affreschi presenti all'interno dell'edificio ed eccezionalmente conservati.
INFO E VISITE: Parrocchia tel. +39 0171 384 282 ,+39 0171 384 027 (Associazione Terra dei Bagienni - info@terradeibagenni.org -  http://archeocarta.org/beinette-cn-pieve-di-santa-maria-o-madonna-della-pieve/ 

BENE VAGIENNA - Chiesa di San Francesco
L'antica città romana di Augusta Bagiennorum presenta diversi edifici religiosi di grande valore artistico. Il più significativo è la chiesa di San Francesco, che conserva la reliquia della beata Paola all'interno della cappella gentilizia dei Costa, il cui altare fu progettato da Filippo Juvarra nel 1725. Altro gioiello della chiesa è il coro ligneo cinquecentesco, considerato tra i più interessanti e antichi della provincia di Cuneo.
INFO: Comune tel. +39 0172 654 152 e Ufficio Turistico +39 0172 654 969, 334 8967 889 (cattedrale)
APERTURA: visita solo su prenotazione con guida.

BORGO SAN DALMAZZO - Chiesa di San Dalmazzo
La grande abbazia benedettina dell'XI secolo con elementi di epoca romana è legata al culto del martire San Dalmazzo, iniziato nel II secolo. Fu importante punto di riferimento per i pellegrini in viaggio tra Nord Italia e Provenza. Interessante è la sovrapposizione di chiese a partire da quella paleocristiana; la cappella trecentesca voluta da Giovanna I d'Angiò.
INFO: tel. +39 0171 266 133 - www.sandalmazzo.com 
APERTURA: Abbazia tutti i giorni, h. 8:00-19:00. Museo (Via Ospedale 2 - Tel. 39.0171.262573) Sabato e Domenica h. 15:00-17:30. Nei giorni feriali possibilità di visita al Museo e alla Chiesa su prenotazione per gruppi (10-15 persone).

BORGO SAN DALMAZZO - Santuario di Monserrato

Le origini del Santuario di Monserrato risalgono alla prima metà del XVII secolo e si collegano al culto della Madonna dalla pelle scura, venerata a Montserrat in Spagna ed a Oropa in Italia. Probabilmente, a seguito della grave epidemia di peste che colpì il nord Italia ed anche queste zone tra il 1628 e 1630, i borgarini decisero di edificare un santuario in onore della Vergine.
INFO: tel. +39.340.2549768 - prenotazione per gruppi o pellegrinaggio +39 0171 266 133 - www.santuariodimonserrato.it  - info@santuariodimonserrato.it
APERTURA: dalla 1a domenica di maggio alla 2a domenica di settembre, tutte le domeniche dalle h. 15:30-18:00. Nel mese di maggio aperto tutti i giorni h 8:00-18:00.

BOVES Fontanelle - Santuario Regina Pacis
Luogo di fede e speranza, il santuario nacque dall'idea di don Biagio Agostino Pellegrino (1882 - 1943) nel 1924. I lavori terminarono nel 1938 con consacrazione del santuario, sormontato da una grandiosa cupola e realizzato in uno stile che richiama modelli rinascimentali e barocchi. Nell'edificio, circondato da un parco alberato dedicato alla fede, è ospitata la statua della Regina Pacis.
INFO: tel. +39 0171 389 307  - santuarioreginapacis@gmail.com 
APERTURA: http://santuarioreginapacis.altervista.org/orari/ 

BOVES - Santuario Madonna dei Boschi
Ai piedi della Bisalta si trova questo antico complesso ecclesiastico, dalle primitive forme romaniche. Per via della ricchezza di pitture ad affresco, si ha quasi l’impressione di entrare in una pinacoteca. Di grande interesse è il Giudizio Universale. Ottimo esempio di arte sacra moderna è il nuovo altare in bronzo realizzato nel 2000.                                                                     
INFO: tel. +39 0171 380 003 - www.madonnadeiboschi.org  - info@madonnadeiboschi.org
APERTURA: http://www.madonnadeiboschi.org/info.php 

CASTELMAGNO - Santuario di San Magno
In alta val Grana, in un'area anticamente dedicata al culto di Marte, si staglia la ieratica sagoma del santuario di San Magno (1760 m), che era ospizio per i viandanti in transito dalla valle Grana alla valle Stura. Il complesso comprende una parte sette - ottocentesca e una più antica. In quest'ultima ammiriamo gli affreschi quattrocenteschi di Pietro da Saluzzo, aventi per soggetto gli Evangelisti e i Dottori della Chiesa, e quelli raffiguranti la Passione di Cristo e i sette santi martiri tebei.             
INFO: tel. +39 0171 986 178  - santuario@sanmagno.net
APERTURA: tutte le domeniche e le feste da giugno a settembre e tutti i giorni nei mesi di luglio e agosto.

CHIUSA DI PESIO - Certosa di Santa Maria in Valle Pesio
Pace e natura costituiscono il fascino dell'antica certosa delle Alpi Marittime, fondata nel 1173 e sviluppatasi fino al XVIII secolo. Il grandioso complesso, che presenta l'impronta delle trasformazioni seicentesche di Giovenale Boetto, si trasforma in breve tempo, per quasi sei secoli, in uno dei centri culturali e spirituali più importanti del Piemonte. Da ricordare: un l'ampio chiostro cinquecentescoaperto su un lato.
INFO: tel. +39 0171 738 123 – fax +39 0171 738 284 - www.certosadipesio.org - certosa@consolata.net 
APERTURA: tutti i giorni, h. 9:00-18:00

CUNEO - Santa Maria della Pieve

Di antiche origini, la Pieve trovò la sua sistemazione attuale solo nel 1775, quando fu spostata nella chiesa dei gesuiti, costruita dal 1656 al 1664 su disegno del fossanese Giovenale Boetto come cappella della congregazione e poi abbellita dal Gallo all'inizio del Settecento. L’interno della chiesa contiene interessanti opere d’arte.                                                  
INFO: tel. +39 0171 692 153                                     
APERTURA:
tutti i giorni, h. 8:30-12:00/15:30-18:00.

CUNEO - Santa Maria del Bosco
Antico priorato dell'abbazia benedettina di Borgo San Dalmazzo, l'edificio religioso venne ricostruito dal 1657 al 1660 su disegno di Boetto. Inserita tra gli edifici circostanti, la Cattedrale se ne distacca per la maestosa facciata neoclassica, con alte colonne corinzie. Notevole la pala dell'altare maggiore di A. Pozzo e il tesoro della Diocesi.
INFO: tel. +39 0171 693 630                                         
APERTURA:
tutti i giorni, h. 6:30-12:00/14:30-18:00

CUNEO - Chiesa di San Francesco

Al XIII secolo risale questo edificio significativo anche per la storia politica del Comune di Cuneo, la cui fondazione fu attribuita dalla tradizione a san Francesco. Una nuova chiesa sarà poi costruita tra il 1416 e il 1450. Di rilievo, in questa struttura d'impronta gotica, sono il portale e il campanile.
INFO: per informazioni, orari e visite +39 0171 634 175 e +39 0171 648 357 (Museo Civico di Cuneo) - FB Museo Civico Cuneo 

CUNEO - Chiesa di Sant'Ambrogio
L'origine dell'edificio va ricercata nell'aiuto prestato ai cuneesi dai milanesi della Lega lombarda per la ricostruzione della città distrutta dal Marchese di Saluzzo. Era il 1230 e le due popolazioni, in segno di amicizia, si scambiarono i loro santi patroni. Dopo alterne vicende, tra il 1703 e il 1743, in onore del santo venne edificata una nuova chiesa, disegnata da Francesco Gallo ma completata solo nell'Otto-cento. Essa si caratterizza per la facciata policroma, mentre l'interno si compone di una complessa scenografia architettonica, decorata dai torinesi Milocco e Bianco.
INFO:tel.+39 0171 692 472, santambrogiocuneo@libero.it                                                                         
APERTURA: tutti i giorni, h. 8:30-12:00/15:30-17:30.

CUNEO - Villa Tornaforte
La buona conservazione della Villa, sia all'interno sia all'esterno, permette una chiara lettura architettonica. Un atto notarile risalente all’anno 1445, parla di “Nostra Signora dell’Olmo” come cappella da tempo esistente e nota in tutta la regione limitrofa, soprattutto per un dipinto miracoloso raffigurante la Vergine. Divenne poco dopo meta di pellegrinaggi. Il 5 agosto 1595 - giorno sacro alla Madonna della Neve - in processione solenne vi fecero ingresso i Frati dell’Ordine di S. Agostino. Il Convento, per la sua posizione geografica, subì gravi danni nel 1744 durante la guerra di successione al trono d’Austria. La comunità dei PP. Agostiniani venne soppressa ed i Frati dispersi o massacrati. Tutto il complesso del Convento pervenne al Conte Bruno di Tornaforte e di San Giorgio Scarampi, che trasformò l’edificio in dimora patrizia con annesso parco all’inglese.
Segnaliamo che il Parco monumentale propone al visitatore alcuni punti di interesse permanenti tra cui il percorso Interreligioso “Dieci Vie di Luce” progettato dai proprietari della famiglia Toselli, partendo dal calendario interreligioso “un anno di pace” con l’intento di dare visibilità ai simboli e al significato delle fedi più diffuse in città: Bahaismo, Buddhismo, Cristianesimo, Ebraismo, Induismo, Islam, Sikhismo e Taoismo. Oltre a questi  otto simboli, ne sono stati aggiunti altri due: il primo dedicato ai Frati Agostiniani, i fondatori dell’ex convento; l’ultimo, il fiore della vita, simbolo del creato, di origini antichissime. Il percorso è stato realizzato con materiali naturali quali legno, pietra, ferro, acciaio. 
INFO: Fraz. Madonna dell'Olmo - Via Valle Po, 1 - tel. +39.338.5000324 e +39.335.5432185 - www.villatornaforte.com  - arch.toselli@tin.it 
APERTURE: per consultare gli orari di apertura clicca qui

ELVA - Chiesa di Santa Maria Assunta
Una conca incontaminata all'ombra del Pelvo d'Elva fa da cornice naturale ad un capolavoro dell'ingegno umano: gli affreschi di Hans Clemer nel presbiterio della chiesa di Santa Maria Assunta (con diverse scene della Vita di Maria, dell'Infanzia di Cristo e una dinamica Crocifissione). Costruito nel XV secolo, l'edificio ha una struttura tardo-romanica che si apre, soprattutto nelle sculture, ad influenze gotiche.
INFO: tel. +39 0171 997 986 - +39 0171 917 080 (Ufficio Turistico di Dronero). 

FOSSANO - Cattedrale di Santa Maria e San Giovenale
Consacrata il 25 settembre 1791, la chiesa, opera dell'architetto chierese Mario Ludovico Quarini, si caratterizza per l'imponente facciata neoclassica solcata da colonne corinzie. L'interno della cattedrale segue il progetto quariniano, mentre la decorazione è ottocentesca. Di particolare pregio, oltre al coro ligneo, è l'altare maggiore, con busti argentati di alcuni dottori della Chiesa.
INFO: tel. +39 0172 613 45                                    
APERTURA: tutti i giorni, h. 7:00-12:00/15:00-19:00.

FOSSANO - Chiesa della Santissima Trinità
Capolavoro barocco dell'architetto monregalese Francesco Gallo, la chiesa venne realizzata negli anni Trenta del Settecento come parte di un più ampio complesso comprendente anche l'ospedale. L'esterno si presenta con una facciata rientrante in cotto, con colonne e timpano triangolare; mentre l'interno, riccamente decorato, è ornato da stucchi del Barelli e dei Beltramelli.
INFO: Ufficio Turistico tel. +39 0172 1795 364
APERTURA: tutte le domeniche da aprile ad ottobre 15:30-18:30. Nei giorni feriali apertura su prenotazione per gruppi.
                       
FOSSANO Cussanio - Santuario Madonna della Divina Provvidenza
Era il maggio del 1527 quando la Vergine apparve a un sordomuto del nome Bartolomeo Coppa. Miracolosamente guarito, il Coppa invitò i fossanesi alla penitenza e questi, in occasione di una pestilenza, iniziarono a recarsi in pellegrinaggio nel luogo dell'apparizione dove, intanto, era sorta una cappella. Luogo di fede e devozione molto forte, il santuario conserva anche alcune tele del Claret e del Beaumont.                  
INFO:
diocesi di Fossano tel. +39 0172 691 030 (ore pasti) - fax +39 0172 691 696
APERTURA: tutti i giorni, h. 8:00-12:00/14:00-19:00

GARESSIO - Santuario di Valsorda
In alta valle Tanaro, Valsorda (a 2 km dal concentrico di Garessio) appare al visitatore come un'incantevole borgata raccolta intorno all'imponente complesso del Santuario di Nostra Signora delle Grazie di Valsorda. Il culto mariano viene fatto risalire al 1400, quando nella borgata venne edificato un piccolo oratorio, contenente un affresco della Vergine con il Bambino. Con l'inizio del Novecento, accanto all'antico santuario ne sorse uno più imponente in uno stile eclettico e con una grandiosa cupola in calcestruzzo armato.
INFO: diocesi di Mondovì tel. +39 0174 813 18 - +39 0174 819 96 - fax +39 0174 803 315 - valsorda@alice.it
APERTURA: d’estate tutti i giorni, h. 8:00-20:00, d’inverno tutti i giorni, h. 9:00-18:00.

MONDOVÍ Piazza - Chiesa Cattedrale di San Donato
Tre statue, raffiguranti san Donato, la Fede e la Carità, contraddistinguono la solenne facciata in arenaria della cattedrale. L'ultima chiesa del Gallo, eretta a partire dal 1743 sul luogo dove sorgeva la duecentesca chiesa di San Francesco, alla sua morte, nel 1750, venne poi completata nel 1763 grazie ad altri architetti. L'interno ha una decorazione pittorica ottocentesca e conserva diverse opere d'arte.
INFO: tel. +39 0174 42550; +39 0174 330358 (IAT di Mondovì) - turistico@comune.mondovi.cn.it                                       
APERTURA:
tutti i giorni 8 - 12 e 15 - 18.

MONDOVÍ Piazza - Chiesa di San Francesco Saverio detta "La Missione"
Apoteosi del barocco, la chiesa, con la sua monumentale facciata in arenaria, si nota facilmente all'interno dello spazio medievale di Piazza Maggiore. La costruzione dell'edificio sacro, pensato architettonicamente dal fossanese Giovenale Boetto, incominciò nel 1664 e si protrasse fino al 1678. Al l'interno si trova un ciclo pittorico dedicato a san Francesco Saverio. Nell'abside e sulla volta centrale presero così vita alcuni episodi della vita del Santo di grande effetto scenografico. 
INFO: IAT di Mondovì tel. +39 0174 330358, turistico@comune.mondovi.cn.it
APERTURA: da aprile al 14 giugno e dal 16 settembre al 1° novembre, sabato dalle 15,00 alle 18,00, domenica e festivi dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00. Da 15 giugno al 15 settembre, sabato dalle 16,00 alle 19,00, domenica e festivi dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00 (con possibilità di visite su prenotazione per gruppi).


MONDOVÍ Piazza - Chiesa di San Giuseppe dei Carmelitani Scalzi detta "La Misericordia"
Dal 1708 al 1717 l'architetto Francesco Gallo costruì la sua prima chiesa nella sua città natale. La Misericordia si avvale di una struttura a croce greca estremamente raccolta, dove la policromia della cupola "eleva" il pellegrino grazie al gioco prospettico utilizzato da Giovanni Francesco Gagini per dipingerla.
INFO: Iat tel. +39 0174 42550, +39 0174 330358 (IAT di Mondovì) turistico@comune.mondovi.cn.it 
APERTURA: su prenotazione

MONDOVÍ Piazza - Cappella di Santa Croce

Una piccola struttura lungo la strada per Vicoforte contiene un grande tesoro: gli affreschi quattrocenteschi attribuiti ad Antonio di Monteregale. Il ciclo pittorico, eseguito dal 1450 al 1460, nel quale si notano le influenze dello Jacquerio, ricopre le pareti e la volta della cappella e si presenta come un'elevata iconografia. Valga come esempio, sulla parete d'altare, la Crocifissione, una complessa allegoria della vittoria della Chiesa sull'ebraismo.
INFO: Deposito chiavi Luca Barucco tel. +39 0174 419 88

MONDOVÍ Breo - Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Antico luogo sacro più volte trasformato, subirà nel Settecento vari ampliamenti, partendo dal Gallo con l'aggiunta delle cappelle laterali e fino alla cupola del Vittone. La chiesa, a tre navate, conserva diverse opere d'arte. Dal 1798 un baldacchino posto alla sommità della facciata è "la casa" del Moro, l'automa meccanico che scandisce le ore, opera del monregalese Matteo Mondino.
INFO: tel. +39 0174 422 16
APERTURA: tutti i giorni h 8:00-18:30.


REVELLO - Abbazia di Santa Maria di Staffarda
Isolato tra i campi, il complesso abbaziale, conserva nella sua struttura romanico-gotica tutto il fascino del XII e il XIII secolo. Nella chiesa, a tre navate con altare rivolto a levante, iniziata nel 1135, domina il polittico cinquecentesco di Pascale Oddone, accanto ad altre sculture del tardo Quattrocento. Altri edifici del complesso sono: il chiostro, la sala capitolare; la foresteria; il mercato coperto, in stile gotico, cuore della fiorente attività economica sviluppatasi attorno all'abbazia. Il concentrico di Staffarda è di proprietà dell'Ordine Mauriziano di Torino.
INFO: tel. +39 0175 273 215  www.ordinemauriziano.it/abbazia-di-smaria-staffarda  - staffarda@libero.it
APERTURA: per consultare gli orari clicca qui

REVELLO - Cappella Marchionale
Situata al primo piano dell’antico Palazzo marchionale (oggi sede del Municipio), la cappella conserva un ciclo pittorico tra i più interessanti della pittura piemontese di primo cinquecento legati alla storia familiare dei Marchesi di Saluzzo. Proprio per volere di Margherita di Foix, moglie del Marchese Ludovico II, la cappella di Revello fu interamente decorata tra il 1516 e il 1519 da un pittore vicino ad Hans Clemer. La parete opposta all'abside è affrescata da un grande dipinto dell'ultima cena, il cui autore sembra essersi ispirato alla celebre opera di Leonardo da Vinci.   
INFO: Ufficio Turistico tel. +39 347 6991 096, +39 327 7804 528, info@visitrevello.it - FB DialogART
APERTURA: www.visitrevello.it 

REVELLO - Chiesa Collegiata 
Lo stile è tardo-gotico, dalle forme misurate ed eleganti, tuttavia sono evidenti gli schemi romanici della facciata. Tutta la struttura è lineare e solenne, compreso il possente campanile ad otto piani, con finestre incompiute e privo di cuspide. Tra le opere d’arte si segnalano il portale, realizzato in marmo di Calcinere (Valle Po) nel 1534 da Matteo Sanmicheli e la porta in legno di vite, suddivisa in venti pannelli decorati. All’interno sono conservati polittici cinquecenteschi, tra i quali il Polittico dei Santi Pietro e Paolo di Hans Clemer, composto da sei tavole adornate da una cornice dorata con intarsi geometrici. Un pregevole fonte battesimale, l’altare maggiore in marmo bianco e il pulpito ligneo secentesco.  
INFO: Ufficio Turistico tel. +39 347 6991 096 - info@visitrevello.it
APERTURA: tutti i giorni.


SALUZZO - Duomo Chiesa di Santa Maria Assunta
Punto di riferimento religioso e geografico della città, il duomo, in stile gotico, sorse per impulso del marchese Ludovico II tra il 1491 e il 1501, in luogo dell'antica pieve di Santa Maria. L'imponente facciata è abbellita dalle lunette affrescate da Hans Clemer e da alcune statue.     
INFO: tel. +39 0175 422 39 e +39 0175 423 60, cancelleria@diocesisaluzzo.it
APERTURA: clicca qui

SALUZZO - Chiesa e convento di San Bernardino     
Situato in posizione amena tra le ville e i frutteti della collina saluzzese, il complesso fu realizzato per iniziativa di Ludovico I nel 1471 e ristrutturato alla metà del Settecento. L'interno della chiesa, a navata unica con cappelle laterali, si presenta con un volto settecentesco. Da vedere anche l'interessante chiostro.            
INFO: Parrocchia tel. +39 0175 426 36 e Convento tel. +39 0175 424 65
APERTURA: clicca qui

SALUZZO - Chiesa e Convento di San Giovanni
Costituisce un luogo di fede di enorme importanza storico - artistica. D'impronta gotica, nonostante le diverse trasformazioni e aggiunte posteriori, la chiesa venne edificata a partire dal XII secolo. Nel suggestivo interno occorre ricordare la cappella dei Santi Crispino e Cipriano, affrescata nel Quattrocento con episodi della Passione, la cappella del Rosario e la cappella sepolcrale dei marchesi. In quest'ultima, affascinante esempio di gotico borgognone del XV secolo, si trovano il monumento funebre a Ludovico II.
INFO: Ufficio Turistico IAT tel. +39 0175 467 10, info@saluzzoturistica.it
APERTURA: consulta sito info@saluzzoturistica.it

SAVIGLIANO - Chiesa di Sant'Andrea       
Di antichissima origine, Sant'Andrea viene menzionata per la prima volta in un documento del 1098. La struttura, più volte distrutta e ricostruita, acquisì una sistemazione definitiva con il rifacimento settecentesco di Benedetto Vay, che progettò un ampio spazio a cinque navate con cupola e una ricca testimonianza artisticha settecentesca.
INFO: tel. +39 0172 712 280, turismo@comune.savigliano.cn.it
APERTURA: consultare sito ufficioturistico@comune.savigliano.cn.it

SAVIGLIANO - Chiesa di Santa Maria della Pieve
Considerata la più vecchia chiesa della città, la Pieve è una vera e propria pinacoteca dedicata al Seicento, sorta nel VI secolo ma con una struttura attuale sette-ottocentesca. Nell'unica navata si aprono diverse cappelle laterali, abbellite da opere del saviglianese Giovanni Antonio Molineri. Il campanile venne utilizzato, nell'Ottocento, come osservatorio dall'astronomo saviglianese Giovanni Virginio Schiaparelli.
INFO: tel. +39 0172 712 962 - info@comune.savigliano.cn.it
APERTURA: tutti i giorni, h. 8:00-12:00/16:30-19:00, festivi h 8:00-12:00.

SAVIGLIANO - Chiesa di San Pietro dei Cassinesi
Parte di un'importante complesso monastico benedettino, di origine molto antica sorto, su un tempio romano della dea Diana, il luogo di culto, inizialmente romanico, assunse caratteri del manierismo e del barocco. Di grande valore artistico è l'abside, con i dipinti del Molineri e del'Arbasia. Attiguo all'edificio è il chiostro benedettino, in stile rinascimentale.
INFO:  tel. +39 0172 712 488, Ufficio turistico 0172 370 736  
APERTURA: tutti i giorni, h. 8:00-12:00/16:00-18:00.

SAVIGLIANO - Santuario della Sanità
Nell’anno 1613 un contadino eresse in regione “Pasco Rondello” di Savigliano un pilone in riconoscenza alla Madonna. La Madonna vi fu dipinta in atteggiamento squisitamente materno, mentre allatta Gesù Bambino. In seguito il pilone cedette il posto alla chiesa terminata, nella struttura principale, intorno al 1750. Annessa al Santuario sorge la “Casa per gli Esercizi Spirituali”. Il Santuario ospita anche il Museo degli Ex Voto, con una mostra permanente di tavolette votive.
INFO: tel. +39.0172.712280 (Rettore Santuario - http://digilander.libero.it/savigliano/sanita/ ), visite al Museo tel. +39 335 8100 582, +39 0172 217 63
APERTURA: tutti i giorni, h. 8:00-12:00/16:00-18:00.

VICOFORTE - Santuario Basilica Regina Montis Regalis
Il 7 luglio 1596 iniziarono i lavori alla "gran fabbrica della Madonna Santissima del Mondovì a Vico" voluti da Carlo Emanuele I che li affidò ad Ascanio Vittozzi. L'Orvietano ideò una innovativa soluzione a pianta ellittica, terminata solo nel 1733 da Francesco Gallo che "chiuse" la struttura con la cupola, la più grande al mondo tra quelle ellittiche. La volta affrescata è la più vasta superficie al mondo dipinta con tema unico: la vita e la gloria di Maria.
INFO: tel. +39 0174 565 555 - Fax +39 0174 565 556 - www.santuariodivicoforte.com   -  basilica@santuariodivicoforte.it
APERTURA: feriali h. 7:00-12:00 /14:30-19:00, festivi h. 7:00-12.30/14:30-19:30.
Dal 4/6 al 20/10 visite guidate a cura dei volontari tutte le domeniche e festivi alle ore 17. Ritrovo nell'atrio del santuario. 

VILLAR SAN COSTANZO
Chiesa di San Pietro in Vincoli, Cappella di San Giorgio e Chiesa di San Costanzo, magnificamente affrescata dal pittore Pietro da Saluzzo nel 1469, al Monte Dell'antica abbazia benedettina, fondata nell'VII secolo. In buono stato si conservano la cappella, voluta, verso il 1467, dall'abate Giorgio Costanza di Costigliole, e la cripta (XI secolo), con volta a crociera e colonnato. Nella cappella, dal 1467 al 1469, Pietro da Saluzzo, ispirandosi alla Legenda aurea, dipinse gli episodi, alcuni dei quali oggi danneggianti, della vita e del martirio di san Giorgio.
Calendario aperture cripta e Cappella di San Giorgio.
INFO: tel. +39 342 5391 604 (Sig. Ristorto)- +39 346 6298 855 (Sig. Bottero) - info@iciciu.it -  FB Provillar
APERTURA: h.14.30-18.00


VINADIO - Santuario di Sant'Anna
Un grandioso scenario di monti fa da cornice al santuario più alto d'Europa (2035 metri), posto in cima al vallone d'Orgials o di sant'Anna, caratterizzato da una chiesa seicentesca, rimaneggiata nell'Ottocento, con pavimento in salita e porticato antistante la facciata, nato per assistire i numerosi pellegrini italiani e francesi.
INFO: tel. +39 0171 959 125 – fax +39 0171 959 856 -  - info@santuariosantanna.eu
APERTURA: www.santuariosantanna.eu  



Da vedere inoltre:

ACCEGLIO - CONFRATERNITA
Ospita un museo di Arte Sacra con opere provenienti dalla val Maira.
INFO: Per prenotazioni e informazioni tel. +39 0171 990 08, www.ghironda.com
BOVES, Fr. Mellana - SANTUARIO DELLA "MEDAGLIA MERACOLOSA"
Realizzato tra il 1902 e il 1903, il santuario, che ricalca forme barocche, con abbondanza di stucchi e gradevoli decorazioni, è un luogo di forte ed intensa devozione mariana.
INFO: tel. +39 0171 387 409
BOVES - SANTUARIO DI S. ANTONIO
Edificio posto sulla collina retrostante il paese, con stucchi, affreschi e tele del Seicento. 
INFO: tel. +39 0171 380 906 - www.santantonioboves.it
CUNEO - CONFRATERNITA DI SANTA CROCE
Un gioiello barocco, progettato dal Bertola e realizzato dal Gallo tra il 1710 e il 1712, caratterizzato dalla facciata concava policroma e dal suggestivo interno, con i dipinti del Gaggini e gli stucchi del Beltramelli.
INFO: Ufficio Turistico IAT tel. +39 0171 693 258, +39 0171 266 133
CUNEO - SANTUARIO MADONNA DEGLI ANGELI
Luogo caro ai cuneesi il santuario convento risale al XV secolo. Rifatto nel XVI secolo e restaurato in quello successivo, l'edificio è a croce latina con una decorazione interna in larga parte moderna. Nel santuario si conserva l'urna in vetro con il corpo del beato Angelo Carletti ed è ospitata la cappella di sepoltura della fam. Galimberti.
INFO: tel. +39 0171 491 284 - visite su appuntamento
CUNEO - SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA RIVA
Situato in una interessanteio uristi posizione scenografica a Madonna dell'Olmo il santuario, legato a una devozione molto antica, ha una struttura ottocentesca.
INFO: Cattedrale tel. +39 0171 693 630
CUNEO - SINAGOGA
In quello che era il piccolo ghetto della città, direttamente affacciata su via Mondovì, troviamo la sinagoga, edificio rifatto nell'Ottocento, nel quale si conserva una splendida Aron (Arca Santa) barocca.
INFO: tel. +39 0171 690 217 (ATL Cuneo, int. 1) - attualmente chiusa per lavori di restauro
FOSSANO - CHIESA DI SAN FILIPPO
Pregevole edificio barocco, a navata unica, con la volta dipinta a trompe - l'oeil da Giovanni Pietro Pozzo.
INFO: Parrocchia tel. +39 0171 604 64, +39 0172 604 64, 0172 601 60 (Ufficio turistico), iatfossano@cuneoholiday.com 
GARESSIO - CHIESA DELL'ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA
Edificio settecentesco progettato dal Gallo venne riplasmato nell'Ottocento. INFO: tel. +39.0174.81055, www.comune.garessio.cn.it GARESSIO - CHIESA DI SANTA CATERINA D'ALESSANDRIA
Edificio, a navata unica con pregevoli altari laterali, progettato dal Gallo.
INFO: tel. +39 0174 810 55
GARESSIO - CHIESA CONFRATERNITA DI SAN GIOVANNI
Edificio cinquecentesco legato alla sacra rappresentazione del "Mortorio".
INFO: tel. +39 0174 812 10
LIMONE PIEMONTE - CHIESA DI SAN PIETRO IN VINCOLI
In stile gotico, con campanile romanico e bella facciata in pietra. L'interno barocco conserva un pregevole pulpito ligneo seicentesco.
INFO: tel. +39 0171 921 42
MONDOVI' - CHIESA DI SANTA CHIARA
Opera settecentesca del Gallo. INFO: tel. 0174 559 211, info@comune.mondovi.cn.it
MONDOVI' - SINAGOGA
Al secondo piano di un edificio di via Vico ha sede la settecentesca sinagoga di Mondovì, accogliente e di piccole dimensioni. Essa, dopo gli anni di incuria, si presenta oggi nelle forme originarie che permettono di ammirare l'Arca Santa (Aron - Ha - Qodesh) e il pulpito ottagonale.
INFO: Ufficio Turistico tel. 0174 403 89
MONDOVI' - CHIESA DI SAN FILIPPO

Opera del Gallo, con facciata in cotto e navata unica, contiene opere scultoree, tele e un pulpito disegnato dal Vittone. INFO: tel. 0174 426 53, info@sanfilippomondovi.it , www.sanfilippomondovi.it
MONDOVI', Fr. Breolungi - PIEVE DI SANTA MARIA IN BREDOLO
Antico edificio di origine romanica dove, all'esterno e all'interno, sono presenti diversi affreschi realizzati in periodi che vanno dal XIV e al XVI secolo. Alcuni di essi sono attribuiti a Giovanni Mazzucco. INFO: tel. 0174 615 04
SALUZZO - CHIESA DI SAN BERNARDO
Edificio quattrocentesco rifatto nel Settecento, ornato di stucchi e dipinti; presenta uno sceno-grafico esempio di decorazione rococò nella cappella dell'Immacolata.
INFO: Parrocchia Sant'Agostino tel. +39 0175 421 87.

APERTURA: dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 19.00

SALUZZO - CHIESA DELLA CONSOLATA
Si trova accanto alla chiesa e al seminario di Sant'Agostino ed è il risultato dell'unione tra la chiesa di San Martino e la cappella della Consolata. L'interno, con soffitto a cassettoni, conserva parti di affreschi quattrocenteschi, tra cui la Danza macabra. Il massiccio campanile romanico (XII secolo) che la sovrasta è il più antico della città.
INFO: tel. +39 0175 421 87 (Parrocchia s. Agostino)- visita su appuntamento
SAVIGLIANO - CHIESA DELL'ASSUNTA
Opera di Giovanni Giacomo Plantery e di Francesco Gallo, di inizio Settecento. Ha una cupola affrescata a trompe - l'oeil da Giovanni Battista e Pietro Antonio Pozzi e alcune sculture lignee.
INFO: tel. +39 0172 712 488, +39 0172 370 736, info@entemanifastazioni.com, ufficioturistico@comune.savigliano.cn.it , donpaolo@boxposta.it - visita su appuntamento
SAVIGLIANO - CHIESA DELLA PIETA'
Progettata dal Plantery nel 1708, conserva stucchi del Beltramelli, tele del Claret e diverse opere scultoree. INFO: tel. 0172 217 73
STROPPO - CHIESA DI SAN PEYRE
Edificio romanico, con campanile gotico, dalla struttura irregolare. All'interno affreschi, datati tra il Trecento il Cinquecento, raffiguranti i principali soggetti dell'iconografia cristiana.
INFO: Comune di Stroppo tel. +39 0171 999 112 , +39 0175 240 352
VALMALA - SANTUARIO MADONNA DELLA MISERICORDIA
Legato alla devozione saluzzese e quest'ampio complesso ottocentesco, chiesa, porticato, locali per i pellegrini, sorto sul luogo dove la Vergine apparve a quattro pastorelle.
INFO: Diocesi di Saluzzo tel. +39 0175 978 014, Don Paolo tel. +39 0175 641 28 - cell. +39 348 8034 623



Santuario di San Magno - Castelmagno
Certosa di Pesio - Chiusa di Pesio
Santuario di San Chiaffredo - Crissolo
Ph. T. Aimar - Parrocchiale di Santa Maria Assunta - Elva
Parrocchiale di Santa Maria Assunta - Elva
Ph. T. Aimar - Duomo - Fossano
Santuario di Valsorda - Garessio
Chiesa di San Pietro in vincoli - Limone Piemonte
Ph. T. Aimar - Chiesa della Missione - Mondovì
Abbazia di Santa Maria di Staffarda - Revello
Chiesa di San Maurizio - Roccaforte Mondovì
Ph. E. Bono - Basilica Regina Montis Regalis - Vicoforte